ASSOCIAZIONE CULTURALE MEDEM | COMPAGNIA TEATRALE

LA BIBLIOTECA DI BABELE

 

LOCANDINA-La-Biblioteca-di-BabeleGLA BIBLIOTECA DI BABELE

 (tratto dal racconto di Jorge Luis Borges)

** ** **

Soggetto: Enrico Paci, Francesco Rosi

Regia e drammaturgia: Enrico Paci

Scenografia, costumi, fonica e luci: Francesco Rosi

Con:
Riccardo Boncompagni, Nicola Falocci, Nunzia Negri, Gianni Ottaviani, Enrico Paci, Laura Pierantoni, Francesco Rosi, Mauro Silvestrini, Alberto Smargiassi.

La Biblioteca-mondo immaginata da Borges costituisce una realtà in cui tutti gli uomini sono bibliotecari. Il senso di tutto e il non senso di tutto è nei libri collocati sugli scaffali secondo una successione continua ed ininterrotta. I bibliotecari- ossessionati dalla ricerca di libri che contengano concetti di senso compiuto, la descrizione della propria vita, i misteri del cosmo- consumano tutte le proprie energie e passioni nel proprio rapporto con la Biblioteca. Ambizione più grande è la scoperta del Catalogo dei cataloghi che da senso all’intera Biblioteca ed è chiave e compendio di tutti gli altri libri.

Nella scena 6 bibliotecari-sacerdoti sono indaffarati dietro le diverse postazioni,. Ad ognuno è attribuita una mansione secondo un ordine rigidamente gerarchico. Si passano volumi, li catalogano, ne ricercano il senso. Incessantemente, probabilmente da secoli.

Vivono in un ambiente rarefatto, assurdo ma non privo di tutto ciò che riempe la vita degli uomini del mondo fuori dalla biblioteca: passioni, domande, contrasti, paure, rituali, passaggi. La Biblioteca diviene così una grande metefora incredibilmente onnicomprensiva di tutte quelle grandi domande che arrovellano da millenni le menti degli uomini.

Lo spettacolo è stato prodotto per la edizione 2013 del festival di letture “CALIBRO” di Città di Castello.

 

 

  • Ultime Notizie

  • Filtra per categoria

  • Archivio